Pescia: necessario un rilancio dell'economia

Rilanciare l’economia con interventi strutturati a favore delle imprese e dell’intera città.

Questa è una priorità per Confcommercio che chiede di incontrare l’Amministrazione per confrontarsi sulla necessità di mettere in atto nuovi progetti e di sciogliere vecchi nodi ancora esistenti.

 

È infatti evidente quanto il tessuto economico e commerciale di Pescia abbia bisogno di riprendere slancio e ciò può avvenire soltanto attraverso azioni mirate a dare un reale sostegno alle imprese e che toccano i temi caldi per il territorio.

 

Fra questi, la risoluzione delle criticità sulla sosta in città – un aspetto ampiamente affrontato ma ancora non risolto – l’attenzione ai tributi locali che gravano in modo consistente nelle tasche delle imprese e la possibilità di introdurre incentivi per le attività che assumono personale.

 

Si tratta soltanto di alcune proposte che, affiancate da nuove idee, potrebbero costituire una base per la ripresa dell’economia locale: un esempio  in questa direzione potrebbe essere rappresentato dal “Pop Up Lab”, iniziativa realizzata nella vicina Montecatini Terme e a Prato per cercare di stimolare la nascita di nuove attività.

 

Per Confcommercio è quindi indispensabile affrontare questi argomenti insieme al Comune, riflettere sulla realizzazione di progetti innovativi e arrivare ad una loro attuazione in tempi brevi.

 

Allo stesso tempo serve però un riesame completo e privo di pregiudizi delle scelte fatte in passato e dei risultati che hanno portato fra cui spicca la questione mai risolta del mercato settimanale che impatta in modo determinante sui negozi di vicinato del centro storico.

 

I lavori al Ponte del Duomo attualmente in corso riportano poi l’attenzione sul più ampio tema dell’accessibilità a Pescia: la precedente chiusura del Ponte del Marchi, infatti, si è rivelata un problema più grande di quanto inizialmente immaginato e conoscendo le difficoltà esistenti e i tempi lunghi che si prospettano per ultimare i lavori, è necessario un rapido confronto per individuare soluzioni che possano mitigare, almeno in parte, i disagi di questa condizione.

 

Ad incidere ancora di più sulla situazione già complessa, è stato il periodo scelto per la messa in sicurezza del Ponte del Duomo che ha coinvolto i saldi di fine stagione, uno dei momenti più importanti per il commercio locale.

 

E delle difficoltà nella viabilità e nell’accesso al centro cittadino sono proprio i commercianti a farne le spese maggiori. Vista l’attuale situazione economica, non possono essere fatte ulteriori scelte che rischiano di danneggiare le attività commerciali.

 

Confcommercio rilancia quindi l’invito agli Amministrazioni per confrontarsi e cercare insieme delle soluzioni a favore dello sviluppo di Pescia.